Diabete 2 Nuove Linee Guida abbassano i livelli di controllo della Glicemia

L'American College of Physicians ha ora pubblicato le loro nuove linee guida riguardanti i livelli desiderati di controllo della glicemia per le persone con diabete di tipo 2. Le raccomandazioni mirano a modificare le attuali pratiche terapeutiche e i medici dovrebbero mirare a un livello moderato di zucchero nel sangue durante il trattamento dei loro pazienti.
diabeteblog
 
I livelli di controllo della glicemia dovrebbero essere moderati per le persone che vivono con diabete di tipo 2, secondo le nuove linee guida.
Secondo le stime più recenti, quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete di tipo 2 , che rappresenta oltre il 9% dell'intera popolazione degli Stati Uniti.
Una volta diagnosticato il diabete di tipo 2, i pazienti sono spesso invitati a prendere quello che è noto come test dell'emoglobina glicata (HbA1c) al fine di mantenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.
Il test media i livelli di zucchero nel sangue di una persona negli ultimi 2 o 3 mesi, con un punteggio di HbA1c del 6,5% che indica il diabete .
Ma alcuni studi hanno evidenziato che il test HbA1c potrebbe essere attualmente abusato negli Stati Uniti e hanno suggerito che tali test eccessivi possono portare a un trattamento eccessivo dei pazienti con farmaci ipoglicemici.
Questi farmaci hanno spesso una serie di effetti collaterali, come problemi gastrointestinali, zucchero nel sangue eccessivamente basso, aumento di peso e persino insufficienza cardiaca congestizia .
Inoltre, come alcuni ricercatori hanno sottolineato, "test eccessivi contribuiscono al crescente problema dei rifiuti nel settore sanitario e aumento del carico del paziente nella gestione del diabete".
In questo contesto, l'American College of Physicians (ACP) si è proposto di esaminare le linee guida esistenti di diverse organizzazioni e le prove disponibili nel tentativo di aiutare i medici a prendere decisioni migliori e più informate sul trattamento delle persone con diabete di tipo 2.
Le loro linee guida sono state pubblicate sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Si consiglia un A1C del 7-8 percento

Come spiegano gli ACP, l'attuale logica alla base delle raccomandazioni esistenti di un punteggio del 6,5% - o inferiore al 7% - è che mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue diminuirebbe il rischio di complicanze microvascolari nel tempo. Tuttavia, l'ACP ha riscontrato che le prove per tale riduzione sono "incoerenti".
Come afferma il dott. Jack Ende, presidente dell'ACP, "[la nostra] analisi delle prove dietro le linee guida esistenti ha rilevato che il trattamento con farmaci a target del 7% o inferiore rispetto agli obiettivi di circa l'8% non riduceva i decessi o macrovascolari complicazioni come infarto o ictus, ma hanno causato danni sostanziali ".
Continua, dicendo, "Le prove dimostrano che per la maggior parte delle persone con diabete di tipo 2, raggiungere un A1C tra il 7 e l'8% è il miglior bilanciamento dei benefici a lungo termine con danni come basso livello di zucchero nel sangue, carico di farmaci e costi".
Inoltre, l'ACP raccomanda che i pazienti di età pari o superiore a 80 anni o che convivono con malattie croniche come demenza , cancro o insufficienza cardiaca congestizia, ricevano un trattamento che si concentra sulla riduzione dei sintomi correlati allo zucchero nel sangue invece di abbassare i livelli di HbA1c .
La ragione di questo è che per i pazienti in questa categoria, i potenziali effetti collaterali dei farmaci ipoglicemizzanti superano i vantaggi.
"I risultati degli studi inclusi in tutte le linee guida dimostrano che i risultati di salute non sono migliorati trattando i livelli di A1C al di sotto del 6,5%", spiega il dott. Ende.
"Tuttavia, riducendo gli interventi farmacologici per i pazienti con livelli di A1C persistentemente inferiori al 6,5 per cento", continua, "ridurrà inutili danni, oneri e costi di farmaci senza incidere negativamente sul rischio di morte, infarti, ictus, insufficienza renale, amputazioni, visiva menomazione o neuropatia dolorosa . "
"Sebbene la dichiarazione di orientamento ACP si concentri sulla terapia farmacologica per controllare lo zucchero nel sangue, un obiettivo di trattamento più basso è appropriato se può essere raggiunto con una dieta e modifiche dello stile di vita come esercizio fisico, cambiamenti nella dieta e perdita di peso."
Dott. Jack Ende

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Riso rosso fermentato riduce il colesterolo, lo studio clinico dei cardiologi che lo conferma.

In quanto tempo il fegato smaltisce l'alcool ?

Insulina Addio in arrivo il Cerotto per Curare il Diabete Farmajet News